venerdì 3 agosto 2012

Il frutto del drago

Madre Natura e' un'artista. Ed io rimango in estasi davanti alle sculture che riesce a creare, come nel caso di questo frutto, che ricordando le lingue di fuoco del drago, viene chiamato appunto "dragon fruit".


Chiamato anche Pitaya, e' un po' come il nostro fico d'India, in quanto e' il frutto di una particolare pianta di cactus. Cresce in Sud America, ma anche nel Sud Est Asiatico e a Taiwan si puo' trovare in ogni negozio e come dessert al ristorante. Il sapore e' molto delicato e come consistenza ricorda il kiwi, essendo pieno di semini. E' ricco di sali minerali e vitamina C ed e' anche un potente antiossidante, oltre che lassativo. In alcuni Paesi viene infatti chiamato "frutto pulizia", poiche' pulisce l'intestino.
Per fare queste foto ne ho mangiati diversi, dovro' preoccuparmi???

2 commenti:

Sara Spagnuolo ha detto...

diciamo che è un frutto che si pavoneggia per depistare dal fatto che il suo gusto è quasi eccessivamente delicato... madre natura è fortissima nel marketing .. :-)

Teresa ha detto...

hahaha... e tu sei fortissima con le parole! Comunque a me piace molto il suo gusto e poi funzionaaaaa! :-) Bacio