giovedì 17 gennaio 2013

Trema la terra, tutti giu' per terra!

Ed ecco che ci risiamo.
Dopo la bella vacanza natalizia in Salento, dopo il sole, il mare e le polpette della nonna e dopo aver lavorato molto su me stessa per convincermi che forse non e' il caso di avere nostalgia della mia terra, che' in fondo e' un posto bello ma maledetto dove la gente perde il lavoro e la dignita', dove si muore di cancro per colpa del potere, dove i giovani non hanno piu' speranze, dove... dove... dove... (la lista e' molto lunga) e che Taipei, al contrario, e' il luogo ideale dove vivere con la sua efficienza, civilta', educazione e tranquillita', ecco che ritornano loro a spaventarmi e a farmi desiderare piu' di ogni altra cosa al mondo che un aereo supersonico mi riporti a casa mia: i terremoti, quei maledetti.
Non e' facile abituarsi alle scosse e, pur avendone sentite parecchie sino ad ora, ogni volta e' come la prima volta, un po' come il vero amore.
Panico allo stato puro e blocco totale, vampate e sudore freddo mi pervadono e mi rendono incapace di intendere e di volere. Nonostante ci istruiscano che la prima cosa da fare sia aprire la porta d'entrata (nel caso in cui le assi dovessero cedere e bloccare la via di fuga), poi mettersi sotto una colonna portante (quali saranno a casa mia???), possibilmente stare vicino a un frigorifero (da cui attingere acqua e cibo nel caso in cui dovessi ritrovarti vivo sotto le macerie per giorni), etc. etc., nonostante tutto cio', io resto immobile con gli occhi sgranati, inebetita e in apnea.
E pensare che una mia amica, che mi ha subito contattato per sapere se avevo sentito "il mostro sotterraneo", mi ha confessato che nonostante la paura paralizzante, lei trova molto affascinante il fatto che la terra viva, respiri, si muova e tremi. Terribilmente affascinante, ha detto. Affascinante o meno, in questo momento credo che il teletrasporto sarebbe l'unica cosa a rendermi davvero felice.

i punti rossi e arancioni mostrano dove sono avvenuti i terremoti negli ultimi 2 giorni

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Rieccomi-ti-ci! :)Paese che vai, difetto che trovi...Purtroppo viviamo sulla Terra e non esistono paradisi privi di difetti!
In ogni caso ti consiglio di mettere il frigo sotto un muro portante e di spostare il muro portante sotto la porta d'ingresso! Le precauzioni non sono mai abbastanza! ;)
Anna

Teresa ha detto...

haha, in effetti potrei fare cosi'! ;-)

Cristina ha detto...

Ciao sono Cristina, piacere di conoscerti.. Ho visto che hai iniziato a seguirmi su Twitter ed eccomi qua :) Inizierò anch'io a seguire te. Io vivo in Friuli e conosco bene la paura che causa il terremoto. Immagino poi in zone dove la cosa è purtroppo terribilmente frequente cosa si possa provare..brr.. Concordo con le precauzioni suggerite da Anna ;) e se hai tempo passa pure a trovare anche me sul mio blog http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/ A presto. Cris

Anonimo ha detto...

evviva il teletrasporto!!!
Marianna :-)

Teresa ha detto...

Ciao Cristina!

Grazie a te per essere passata dalle mie parti! ;-)
Certamente seguiro' il tuo blog.
Se hai facebook, la pagina del mio blog e': https://www.facebook.com/Asiamonamour?ref=hl

A risentirci,
Teresa

Epì Paidèia ha detto...

Salve,

siamo un giornale online di arte e cultura chiamato Epì Paidèia, ci piace come scrivi e volevamo invitarti a collaborare con noi in forma occasionale inviandoci via email degli articoli scritti da te, li pubblicheremo a tuo nome inserendo il link del tuo blog.

Facci sapere, la nostra email è Epipaideia@hotmail.it